La nuova linea di profumi per corpo e capelli Note di Donna è ispirata ad una misteriosa leggenda napoletana che aleggia tra i vicoli del centro storico di Napoli, quella di donna Regina, donna Albina e donna Romita.

La Leggenda delle 3 sorelle Toraldo, nota anche per essere stata raccontata da Matilde Serao nelle sue Leggende Napoletane, è una storia triste, che narra la vicenda di una nobile famiglia vissuta a Napoli nel 1300. Donna regina, donna Albina e donna Romita erano le figlie del barone Toraldo, orfane di madre.

La primogenita Regina era stata promessa in sposa dal Re Roberto D’Angiò a Don Filippo Capece, giovane ed affascinante cavaliere della corte napoletana, come promessa al defunto barone, che morì nel 1320. Il barone infatti, aveva fatto richiesta al Re di una cortesia, e cioè che la sua maggiore figliola Donna Regina, sposandosi avrebbe potuto conservare il cognome della famiglia per tramandarlo alla sua prole.

Foto da Flickr, Complesso Monumentale Donnaregina

Donna Regina non fu subito felice della notizia. Nel frattempo, Donna Albina mise a conoscenza la sorella maggiore del preoccupante stato di salute della più piccola, Donna Romita, che negli ultimi tempi non era più spensierata come era di solito. Il motivo del suo malessere era l’amore, invaghitasi perdutamente di Don Filippo Capece, nobiluomo di bell’aspetto e futuro sposo della maggiore.

Ma Donna Albina non riuscì a trattenere il suo segreto e rivelò a Regina di essersi innamorata pure lei di Filippo, implorando il suo perdono per lei e per la sorella Romita.

Solo a quel punto Regina fu in preda alla collera, dichiarando di amare segretamente in cuor suo, il bel Filippo Capece che da lì a poco sarebbe divenuto suo sposo.

Donna Albina, Donna Regina e Donna Romita generate dall’intelligenza artificiale per identificare i 3 profumi per Capelli Note Di Donna

Da quel giorno in poi, le tre sorelle vissero separate in casa, divise dalla passione e dal tormento d’amore. Il palazzo Toraldo che dapprima era un luogo di pace e serenità familiare, divenne in pochi giorni, una luogo di collera e tristezza.

Le sorelle, infine, decisero di dividersi e consacrare la propria vita a Dio, edificando tre monasteri con incluse tre chiese che presero il loro nome. La città di Napoli ha dedicato una strada del centro storico ad ognuna di esse, Largo Donnaregina, Via Donnalbina e Vico Donnaromita.

La leggenda popolare narra che i loro fantasmi, vagano disperatamente alla ricerca del loro amato per la città di Napoli, tormentati dalla passione e dai ricordi. Si dice che le tre figure sosterebbero attorno alla Statua del Nilo cercandosi e sfuggendosi l’una con l’altra, nel tentativo di abbracciarsi per porre fine al loro dolore, ed alla tragica pena d’amore che le accomuna.

Piazzetta Nilo, Napoli

Donna REGINA, Donna ALBINA e Donna ROMITA: I Profumi Per Capelli De I MARINO IL BALAYAGE DI NAPOLI

Regina, primogenita, aveva 19 anni quando venne investita del ruolo di capofamiglia. Alta, bella, dalla figura superba e scultorea, un volto severo reso ancor più duro dalla brunezza dei lunghi capelli neri, raccolti sul capo; gli occhi scuri e grandi molto pensosi, lasciavano intravedere gli obblighi imposti dai doveri familiari. Si dimostrava più matura rispetto alla sua giovane età, era ammirata e riconosciuta come figura influente e carismatica, l’erede designato che avrebbe conservato il nobil sangue. Ella spiccava per il senso di compostezza che infondeva sugli altri, schiva e riservata, avvolta nella sua solitudine quotidiana. Nella sua vita esisteva soltanto il dovere.

Donna REGINA è profumazione sensuale e speziata, caratterizzata da note di cuoio, cashmeran, violetta, vetiver, muschio bianco e zafferano.

Albina era la secondogenita della famiglia Toraldo, aveva appena 17 anni e possedeva un carattere amabile. Era stata chiamata così per le caratteristiche della sua pelle: un’incarnato bianchissimo fine quanto la porcellana. I suoi colori chiari dei capelli biondo cinereo e gli occhi splendenti d’azzurro, trasmettevano genuinità e cordialità; molto incline al sorriso e dai modi gentili e premurosi, era lei che si preoccupava di tutti e in particolar modo si doleva per le sorti delle sue sorelle, dispensando saggi consigli e operandosi per i lavori di casa, badando la servitù e offrendo elemosine ai bisognosi.

Donna ALBINA è una profumazione fresca e persistente, caratterizzata da note mediterranee del legno di cedro, alghe, sale marino e mirto.

Romita era l’ultima della casata, e aveva soltanto 15 anni. Era sempre stata una adolescente dolce e vivace, ma negli ultimi tempi, fu colei che fra tutte risentì della scomparsa dei genitori. Il suo giovane aspetto era carico di tenerezza: capelli ricci dai toni biondo miele si adagiavano sull’incarnato bruno del viso, mettendo in risalto un paio di occhi verdi smeraldo che mutavano nelle trasparenze della luce; il corpo esile nascondeva la fragilità dei suoi anni. Il suo carattere era mutevole, ora capriccioso, ora collerico e irritante ma bastavano pochi attimi per ritrovare la stabilità dell’umore.

Profumazione dolce e giovanile, caratterizzata da note di bergamotto, lavanda, ylang ylang, caramello, vaniglia, legno di cedro e gelsomino.

Scegliere una delle profumazioni al completamento del balayage, e di qualsiasi altro servizio eseguito, renderà ancor più unica l’esperienza che ogni cliente vive nel nostro salone.
Non ti resta che provarle, sceglierle, e farle tue.